Foto IL GRAN RAID DELLE PREALPI TREVIGIANE PARLA AL SOCIALE
« torna all'elenco news

3 Marzo 2018

IL GRAN RAID DELLE PREALPI TREVIGIANE PARLA AL SOCIALE

Il Gran Raid delle Prealpi Trevigiane, la corsa in montagna per eccellenza della catena prealpina che fa da spartiacque tra Treviso e Belluno, non è solo sport ma si rivolge anche al sociale. Per l'edizione in programma il prossimo 20 maggio, infatti, il comitato organizzatore affiancherà il progetto "Corro con Te".
"Abbiamo pensato di far gareggiare simbolicamente alcuni atleti assieme ad altrettante persone con disabilità - spiega Guido Perin, presidente del comitato organizzatore del Gran Raid. " In sostanza Corro con Te prevede un secondo pettorale che riporta il nome dei runners dedicati alle tre specialità, lunga, mezza e staffetta, associato ad un nominativo di un ospite dell'ANFASS Sinistra Piave o del Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto. Così facendo anche chi non riesce con le proprie potenzialità potrà competere simbolicamente, e come ogni gara che si rispetti anche qui ci sarà una classifica tutta dedicata alle persone disabili. Una regola di ingaggio molto semplice quindi, l'essenziale è divertirsi e far divertire". 
Intanto continuano ad affluire le iscrizioni, anche dall'estero, confermando quindi l'interesse degli atleti alla competizione prealpina che ormai ha assunto un carattere internazionale. Tre le varianti offerte anche per questa settima edizione: lunga e staffetta nella distanza di 72km con 4600 metri di dislivello. Start a Segusino domenica 20 maggio per la lunga, dai Laghi Blu del Fadalto per la mezza.
Giovanni Carraro